Come fare per...


Certificato di chiusura inchiesta
Cos’èAttesta la chiusura di un procedimento penale. Viene normalmente richiesto al fine di ottenere il risarcimento dalla compagnia assicuratrice, ad esempio in vista di un risarcimento danni per incendio, furto o sinistro stradale, quando il procedimento penale contro ignoti iscritto in relazione ad un reato avvenuto nel territorio di competenza della Procura della Repubblica è stato archiviato poiché non sono stati identificati i responsabili.

Può essere rilasciato solo dopo il decreto di archiviazione del procedimento da parte del Giudice per le Indagini Preliminari (GIP) del Tribunale.

NB. L'art. 34 ter della legge 24 marzo 2012 , n. 27 , di conversione del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, recante "Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività" fa obbligo alle compagnie di assicurazione di risarcire il danno derivante da furto o incendio di autoveicolo, indipendentemente dalla richiesta del rilascio del certificato di chiusa inchiesta, salvo il caso in cui si proceda per il reato di cui all'art. 642 c.p. (danneggiamento fraudolento di beni assicurati).

Dal 1 gennaio 2012 i certificati rilasciati dal casellario sono validi ed utilizzabili solo nei rapporti con soggetti privati.

Nei rapporti con le amministrazioni pubbliche, invece, i certificati sono sostituiti obbligatoriamente da autocertificazioni (art. 40 DPR 445/2000 come modificato dall’art.15 legge 183/2011).

Chi può richiederloL’interessato o un suo delegato; il genitore esercitante la potestà o il tutore, nel caso di minorenni o interdetti.

Nel caso di delega, la richiesta deve essere comunque firmata personalmente dall’interessato e accompagnata:

  • fotocopia del documento di identità del firmatario
  • delega sottoscritta dal richiedente il certificato
  • fotocopia del documento di identità del delegato
Nella delega deve essere specificato se questa vale anche per il ritiro del certificato
Come si richiedeIl certificato può essere richiesto presentando richiesta presso lo sportello competente o tramite posta.

La domanda deve essere corredata di:

  • fotocopia del documento di identità non scaduto o, se straniero extracomunitario, la copia del permesso di soggiorno o del passaporto con visto d’ingresso in corso di validità;
  • marche da bollo e i diritti dovuti;
  • delega firmata dall’interessato e la fotocopia della carta di identità di delegato e delegante (solo nel caso in cui la domanda sia presentata da un delegato)
  • copia della denuncia di furto, qualora non si conoscano gli estremi del procedimento penale.
Per le richieste via posta il destinatario deve coincidere con la persona a cui si riferisce il certificato. Alla domanda è necessario allegare, oltre ai documenti descritti ai punti precedenti, anche una busta compilata con l’indirizzo del richiedente ed affrancata per la risposta.
Dove si richiedePuò essere richiesto:
  • di persona alla Procura della Repubblica di Marsala, presentando la richiesta presso il Front Office dell’Ufficio
  • via posta Inviando la richiesta a: Procura della Repubblica di Marsala, Front Office, Piazza Borsellino, 1 91010 Marsala (TP)
  • via posta elettronica Inviando la richiesta a: procura.marsala@giustizia.it
CostiUna marca da bollo da € 3,68 per diritti di segreteria
TempiIl certificato è rilasciato dopo 5 giorni lavorativi